Rassegna Stampa Elezioni Israeliane 2009

Monitoraggio attraverso i media internazionali delle elezioni in Israele del Febbraio 2009

Posts Tagged ‘Hezbollah’

Binyamin Netanyahu’s delicate balancing act with Barack Obama

Posted by claudiacampli su 16 maggio, 2009

Times

James Hider

When Binyamin Netanyahu, the Israeli Prime Minister, lands in Washington tomorrow he will have to attempt a delicate and complicated balancing act. His performance when he meets President Obama on Monday will have a profound effect on the Middle East for years to come. Leggi il seguito di questo post »

Posted in La scena Politica Israeliana | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Report: Hizbullah planned 3 simultaneous attacks in Sinai

Posted by claudiacampli su 14 aprile, 2009

Ynet news

Egyptian daily al-Ahram publishes parts of terror cell head Sami Shihab’s investigation in which he reveals organization’s plans to attack Israeli, local targets in Sinai in response to assassination of Hizbullah operative Imad Mughniyah
Roee Nahmias Leggi il seguito di questo post »

Posted in Mondo Arabo | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Egypt Accuses Hezbollah of Plotting Attacks and Arms Smuggling to Gaza

Posted by claudiacampli su 14 aprile, 2009

IHT

By MICHAEL SLACKMAN

CAIRO — Egypt released new details on Monday of what it said was a Hezbollah plot to smuggle weapons into the Gaza Strip, to attack Israeli tourist sites in the Sinai Peninsula and to fire on ships in the Suez Canal. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Conflittualità, Mondo Arabo | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Netanyahu pledges Palestinian talks

Posted by alicemarziali su 12 aprile, 2009

 

AL JAZEERA INTERNATIONAL

Benyamin Netanyahu, the Israeli prime minister, has said he will hold peace talks with the Palestinians. Netanyahu’s comments on the stalled peace process – his first since he took office at the beginning of the month – came in a phone call with Mahmoud Abbas, the Palestinian president, on Sunday. Abbas had called Netanyahu to extend holiday greetings for the Jewish Passover ceremony. The two had a “friendly and warm” conversation, according to a statement from Netanyahu’s office. Netanyahu, whose right-leaning government took office on March 31, said he “intended to resume” talks and co-operation with the Palestinians for the sake of promoting peace, the statement said. Abbas has said that Israel’s new government must commit to a two-state solution before the resumption of peace talks. Hawkish cabinet Until now, the only comments on the peace process to come from the new Israeli administration had come from Avigdor Lieberman, the Israeli foreign minister, who said the new cabinet was not bound by a 2007 US-backed agreement to revive negotiations. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Conflittualità, Likud, Mondo Arabo, Palestinesi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

ANALYSIS / Israel is profiting from Egypt-Hezbollah quarrel

Posted by alicemarziali su 12 aprile, 2009

By Amos Harel and Avi Issacharoff, Haaretz COrrespondents

ha’aretz

In what was apparently one of Hezbollah Secretary-General Sheikh Hassan Nasrallah’s most important speeches since taking office in 1992, on Friday he admitted for the first time in the organization’s history that it was operating on Egyptian soil. Nasrallah mentioned the swearing-in of Benjamin Netanyahu’s cabinet, but it was clear that, in the context of Friday’s speech, the real enemy was the Egyptian regime.

Nasrallah did not try to contradict Egyptian reports about the uncovering of Hezbollah’s network in Egypt: “We do not deny it and we do not apologize.” He claimed only that the reports were inaccurate – there were “only” 10 Hezbollah operatives in Egypt, not 50, as Cairo had stated. Hezbollah was merely trying to provide logistical assistance to the Palestinians besieged in the Gaza Strip, Nasrallah said. But he did not make do with a partial confession of the facts. He excoriated the Egyptian regime for failing to act to lift the siege on Gaza and accused it of collaboration with Israel and the United States.

Nasrallah’s first reference to the dramatic reports from Cairo, on Thursday, also launched a wave of criticism from the Egyptian opposition, which mocked the regime of President Hosni Mubarak for making Hezbollah the main enemy, instead of focusing on the injustices perpetrated by Israel.
Nasrallah’s address once again highlights his willingness to gamble, to the point of direct conflict between his organization and the country until recently considered the leader of the Arab world. Nasrallah has been insulting Mubarak since the 2006 Second Lebanon War, when Hezbollah found out that Cairo was pressuring the Olmert government to continue its military attack on Hezbollah.

The Egyptian response, for now, is somewhat hesitant, despite the firm steps it has taken on the ground. The most senior official to mention the affair as of last night has been a representative of the general prosecution in Cairo. So far, only anonymous officials have been quoted, warning that Mubarak would not allow Hezbollah to turn his country into a second Lebanon. Weekend editorials in the Egyptian press called Nasrallah an “Iranian agent.” In terms of practical steps, the past two days have seen reports of the uncovering of a rocket factory in Egyptian Rafah, the arrest of smugglers on the Israeli border and the capture of a man attempting to smuggle $2 million to Hamas in the Gaza Strip.

The conflict between Egypt and Iran and Hezbollah might also impact the upcoming elections in Lebanon. It is unlikely all voters will be happy about the affair, which highlights Iran’s control over Hezbollah and creates tension between Beirut and Cairo.

Israel, which can regard the events with some satisfaction, is keeping a low profile. Hezbollah’s penetration into Egypt, now facing a close race for Mubarak’s successor, leaves no doubt as to Iran’s intentions. This may result in increased security coordination between Israel and Egypt against arms smuggling into the Strip, and will apparently also dictate Cairo’s continued cool stance toward Gaza.

http://www.haaretz.com/hasen/spages/1077896.html

Posted in Mondo Arabo, Palestinesi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Analysis: Arab summit in Qatar – a demonstration of weakness

Posted by Andrea Pompozzi su 1 aprile, 2009

Apr. 1, 2009
Zvi Mazel , THE JERUSALEM POST

The yearly gathering of Arab leaders which took place this week in Doha was supposed to be a summit of reconciliation; instead it laid bare the depth of the chasm in the Arab world, which was revealed in all its helplessness.

Scheduled to run for two days – March 30 and 31 – it closed its doors at the end of the first day. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Mondo Arabo | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

With Isolation Over, Syria Is Happy to Talk

Posted by gaetanoditommaso su 28 marzo, 2009

DAMASCUS, Syria — Only a year ago, this country’s government was being vilified as a dangerous pariah. The United States and its Arab allies mounted a vigorous campaign to isolate Syria, which they accused of sowing chaos and violence throughout the region through its support for militant groups like Hezbollah and Hamas.

Today, Syria seems to be coming in from the cold. A flurry of diplomatic openings with the West and Arab neighbors has raised hopes of a chastened and newly flexible Syrian leadership that could help stabilize the region. But Syria has its own priorities, and a series of upheavals here — including Israel’s recent war in Gaza — make it difficult to say where this new dialogue will lead.

It is not just a matter of the Obama administration’s new policy of engagement. President Nicolas Sarkozy of France led the way with a visit here last September. King Abdullah of Saudi Arabia, who was said to be furious at the Syrian president, Bashar al-Assad, welcomed him warmly in the Saudi capital, Riyadh, this month. Photographs of the two men smiling and shaking hands have been on the front pages of all the major Arab newspapers, along with frequent headlines about the “Arab reconciliation.”

At the root of these changes is Syria’s alliance with Iran. Saudi Arabia and the other major Sunni Arab nations once hoped to push Syria away from Iran through isolation, and now — like President Obama — they appear to be trying sweeter tactics. For the Syrians, the turnabout is proof that their ties with Iran are in fact useful, and accord them an indispensable role as a regional broker. Saudi Arabia and other Arab countries “have great stakes in maintaining good relations between Syria and Iran, because at difficult times they will find Syria helping them,” said Faisal Mekdad, Syria’s vice minister of foreign affairs, during an interview here. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Mondo Arabo | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Israel suspected of bombing Sudan arms convoy headed for Gaza

Posted by claudiacampli su 27 marzo, 2009

Israeli jets carried out a long-range bombing mission against a convoy in Sudan that was suspected of bringing arms from Iran to Hamas in the Gaza Strip, it emerged yesterday.

Sudan confirmed that an illegal arms convoy was destroyed by an airstrike near the Egyptian border at the height of the war in Gaza in January. It declined to identify which country had launched the attack. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Mondo Arabo, Varie | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

L’equazione mediorientale in una parola: missili

Posted by claudiacampli su 20 marzo, 2009

Israele.net

Da un articolo di Bradley Burston

(…) Non credo che, a migliaia di chilometri di distanza, nessuno possa realmente capire. Si considerino con attenzione i risultati delle elezioni in Israele e si vedrà che una chiara maggioranza dell’elettorato ha votato per partiti che si sono esplicitamente espressi a favore di un eventuale stato palestinese in Cisgiordania e striscia di Gaza, e che solo il 6% dei voti è andato a partiti che rifiutano categoricamente questa prospettiva.
Dunque, come si spiega il comportamento apparentemente incomprensibile di questi elettori? Quale comun denominatore – a parte le malvagie intenzioni attribuite dagli osservatori stranieri – può spiegare la continua occupazione della Cisgiordania con il rischio demografico incombente, e la rabbia furibonda e mal compresa di questa nazione israeliana etichettata come l’unica colpevole di ogni malefatta e, quando invece è vittima, come certamente meritevole delle malefatte che subisce? Ebbene, sembrerà incredibile, ma in tutto questo abbacinante e intricato bazar che è l’equazione mediorientale, tutto ciò si spiega con una sola parola: missili.
Furono i missili di Saddam Hussein del 1991 che ci portarono in questo processo di pace, e sono i missili palestinesi che oggi, giorno dopo giorno, stanno seppellendo quella pace una palata dopo l’altra. Fondamentalmente sono i missili, e non il razzismo, ciò che ha portato Avigdor Lieberman fin dove si trova oggi. E più di ogni altro fattore, sono i missili ciò che può spiegare cosa è accaduto alla sinistra israeliana, al Meretz e soprattutto al partito laburista.
Quando Saddam Hussein lanciò 39 missili balistici su Tel Aviv, su Haifa e su Dimona, mutò radicalmente il modo in cui gli israeliani consideravano l’importanza attribuita al mantenimento dei territori per ragioni di sicurezza. Tutt’a un tratto la minaccia arrivava da 1.500 chilometri di distanza, e dunque che senso aveva restare aggrappati e insediarsi stabilmente sui colli di Samaria, in Cisgiordania, o sulle dune sabbiose della striscia di Gaza settentrionale? Fu quello il principale fattore che spianò la strada all’avvio di ciò che sarebbe diventato noto come processo di pace, a partire dalla conferenza di Madrid dell’autunno 1991.
Nel 2005, neanche un giorno dopo che le forze israeliane avevano finito di sgomberare fino all’ultimo ebreo dalla striscia di Gaza, i palestinesi montarono rampe di lancio sulle rovine degli insediamenti appena abbandonati. E puntarono i loro missili non solo su Sderot, ma anche su alcuni di quei kibbutz che erano stati fra i più attivi sostenitori della causa di una Palestina indipendente a fianco di Israele. Questo gesto, e le migliaia di missili che seguirono, cambiarono di nuovo completamente gli israeliani, ponendo fine repentinamente al concetto di “terra in cambio di pace”: giacché nessuno qui, nemmeno il più ardente sostenitore dell’indipendenza palestinese in Cisgiordania, è disposto a lasciare che l’aeroporto Ben-Gurion, Tel Aviv e Gerusalemme finiscano sotto la costante minaccia di missili nemici. Tutt’a un tratto si è creato un nuovo consenso, e il processo di pace, il movimento pacifista e con esso i laburisti e il Meretz hanno ricevuto il benservito.
Dieci anni fa il leader dei libanesi Hezbollah, Hassan Nasrallah, elettrizzò gli estremisti islamisti, e in particolare quelli palestinesi, affermando che Israele era insicuro e fragile come una tela di ragno: una bella spallata di attentati suicidi e l’intera ragnatela sarebbe andata in pezzi.
Non ha funzionato. Il terrorismo suicida, di fatto, ha rafforzato e unificato Israele. Agli occhi del mondo post 11 settembre, poi, il terrorismo suicida stava mutato gli israeliani da cattivi in vittime, e i palestinesi dall’immagine di un novello David in quella di una versione raccapricciante e abominevole di Golia.
Ma ora Hamas guarda oltre. A questo punto, il miglior modo per distruggere Israele è lasciarlo esattamente com’è: dosare, regolare le salve di missili lanciati sui civili israeliani giusto quel tanto da renderli accettabili al resto del mondo ma assolutamente intollerabili per gli israeliani, e poi sedersi ed aspettare che demografia ed esasperazione facciano il miracolo. Nessuna meraviglia che i capi di Hamas ritenuti moderati si dichiarino disposti a una tregua anche di 50 anni: a quel punto gli arabi avranno semplicemente cancellato Israele dalla mappa geografica con la demografia e il voto.
Una chiara maggioranza degli ebrei israeliani lo sa bene. Ma non ho mai incontrato un solo israeliano, elettori del Meretz inclusi, che sia disposto a cedere la Cisgiordania quando già oggi Ashkelon è nel mirino dei tiratori e i missili partono senza soste. (…)

(Da: Ha’aretz, 17.03.09)

Posted in Conflittualità, La scena Politica Israeliana, Piani di Pace | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Non ci si può fidare di Hamas e Hezbollah”

Posted by claudiacampli su 20 marzo, 2009

Israele.net

Sia Hamas che Hezbollah continueranno a perseguire la distruzione di Israele e dunque non bisogna accordare loro alcuna legittimazione. Lo ha affermato lunedì Amos Gilad, capo dell’Ufficio Diplomatico e di Sicurezza del ministero della difesa israeliano, intervenendo a un convegno dell’Interdisciplinary Center di Herzliya.
Questi gruppi terroristi, ha spiegato Gillad, sono “tanto zelanti da dire esplicitamente ciò che pensano: che Israele non ha diritto di esistere”. Sia Hamas che Hezbollah sono “entità caratterizzate da una visione del mondo assurdamente estremista, ma sono assai flessibili in termini di tabella di marcia. Per loro non esistono né la sconfitta né la resa”. Quando subiscono un duro colpo, come ad esempio con la controffensiva israeliana dello scorso gennaio nella striscia di Gaza, “possono anche accettare un accordo temporaneo. Ma, dal punto di vista del loro sistema di valori, si sentono sempre pienamente in diritto di violare un tale accordo in qualunque momento, non appena si sentano forti abbastanza per farlo. È quello che è successo con il cessate-il-fuoco precedente – continua l’alto responsabile della sicurezza israeliano, che si era personalmente occupato delle trattative che avevano portato alla “tregua” mediata dal Cairo – Vi posso dire che quel cessate-il-fuoco era illimitato e non è vero che fosse limitato a sei mesi, come sostiene Hamas. L’hanno violato semplicemente perché pensavano che Israele fosse debole e che non sarebbe rientrato a Gaza. Si tratta di gruppi che possono tranquillamente accettare delle ‘tregue’ di trent’anni e violarle dopo trenta giorni. Si sbaglia chi pensa che accordi di tal genere possano servire da base per dei seri negoziati. Non dovremmo mai cadere nella tentazione di intavolare negoziati strategici con Hamas”.
A proposito della disponibilità recentemente manifestata dalla Gran Bretagna di intavolare un dialogo con Hezbollah, Gilad ha ribadito: “Prendo atto che vi sono soggetti nel mondo occidentale che prendono in considerazione un dialogo con i gruppi terroristi nel tentativo di convincerli, ma non cambia nulla: con quei gruppi è possibile arrivare a un accordo, ma non dobbiamo mai pensare che questo possa portare a veri trattati di pace”.
YnetNews ha chiesto al relatore se il recente discorso nel quale il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah ha lasciato intendere una disponibilità a intavolare colloqui con gli Stati Uniti rappresenti un mutamento di posizione. “Hamas e Hezbollah – ha risposto Gilad – sono aperti a qualunque genere di dialogo: per loro la legittimazione è estremamente importante. Se il mondo occidentale mostrerà disponibilità a riconoscerli, loro naturalmente accetteranno volentieri. Questo è ciò che intendeva dire Nasrallah. Ma questo non li farà cambiare, e ai loro occhi Israele resterà sempre un obiettivo da distruggere”.

(Da: YnetNews, 16.03.09)

Posted in Conflittualità, La scena Politica Israeliana, Palestinesi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »